1039761_10151445891757331_1207790639_o

Il 04 Settembre torna “UAPC – Un altro parco in città”

Il 04 Settembre, dopo il rinvio per maltempo,  torna “UAPC – Un altro parco in città” ed anche quest’anno Piazza della Sala e Piazzetta degli ortaggi saranno ricoperte da un meraviglioso pratino verde

Vi riproponiamo l’ intervista alla a Carolina Boccardi, una delle “menti” dell’ evento che abbiamo realizzato un paio di anni fa

Ho incontrato Carolina Boccardi di UnAltroStudio, il gruppo di giovani architetti che ha ideato tutto questo.
Il concept di questa idea è molto affascinante. Si rifà al nomignolo che viene attribuito a Pistoia, ma che non tutti sanno, ovvero quello della “città dei giardini segreti”, riferendosi ai numerosi e sconosciuti spazi verdi, pubblici e semi-pubblici che si nascondono dietro le mura medievali. Ed è quindi la voglia di “rendere al manto verde la sua funzione sociale, portare il giardino urbano al di qua del muro che ne cela la vista […], restituire il verde alla vita quotidiana dei cittadini, trasferirlo per un giorno dal suo nascondiglio irraggiungibile, in uno dei luoghi nevralgici di questo luogo”.
Come realizzare questo concept?
“L’idea ce la danno due ragazze di Torino che decidono di stendere un pratino all’interno del loro bistrot”. Ed ecco che la lampadina si accende “…potremmo riproporlo all’interno di un locale della Sala, come il Gargantuà”. Ma poi l’idea si estende e si decide di coinvolgere la Norcineria Orsi, il Voronoi e La Bottega dell’Arte, quindi tutta la Piazzetta degli ortaggi. Successivamente si propone come sponsor e quindi poi come fornitore del manto verde la Giorgio Tesi Group e il progetto ha inizio.

Ma chi stende questo prato?
“Il sabato pomeriggio arrivano 40 alberi della Giorgio Tesi Group che verranno poi sistemati tra Piazzetta degli Ortaggi e Piazza della Sala. La notte verso l’una i gestori dei locali iniziano a togliere sedie e tavolini, svuotando le due piazzette e arrivano i camion che trasportano l’erba. A questo punto tutti, tra gestori dei locali, noi di UnAltroStudio e soprattutto molti cittadini pistoiesi che si offrono volontariamente, si inizia a stendere il prato fino verso le 5 del mattino.”

uapc2016